Le Acconciature Perfette Per Chi Ama Viaggiare

acconciature perfette per viaggiare

Prima di partire per un lungo viaggio, porta con te la voglia di adattarti” canta Irene Grandi in una sua celebre canzone, e in effetti, che si viaggi per affari o per diletto, per esigenza di mutamento oppure per un bisogno di fugaper fede (come avviene nei pellegrinaggi) o per sete di conoscenza, è sempre importante organizzarsi in maniera tale da potersi concentrare sugli aspetti salienti del percorso che si sta per affrontare, e non disperdere concentrazione e tempo negli aspetti collaterali.

È bene dunque pianificare e prevedere, e cercare di capire anche quali sono le acconciature perfette per chi ama viaggiare.

Ad esempio, se i capelli bianchi rappresentano un problema, è bene tingerli il giorno prima di partire, così da non essere assediati immediatamente dalla ricrescita, e, nel caso in cui si debba stare lontano per più di 20 giorni, che è il tempo minimo di durata di un colore, munirsi di lacche coprenti o shampoo coloranti.

In generale, le acconciature perfette per chi ama viaggiare sono quelle che non richiedono troppo tempo o fatica per essere realizzate e che non vanno risistemate durante il corso della giornata (o comunque veloci da rimettere in ordine): in una parola, sono quelle pratiche!

Il podio della comodità lo conquista la coda di cavallo, alta o bassa che sia, fattibile tanto per capelli lisci che ricci: in quest’ultimo caso il consiglio è di adoperare delle forcine e di non serrare troppo l’elastico, in modo da non sciupare eccessivamente le onde.

Una versione interessante per chi invece ha i capelli lunghi e lisci è una triplice coda di cavallo, che può essere realizzata con il Topsy tail: sottilissimo e per nulla ingombrante, è ideale anche per essere infilato in valigia!

Altra pettinatura, oggi di gran moda, è lo chignon, che permette tra l’alto di spaziare con la fantasia, date le molteplici varianti: spettinato o tiratissimo, liscio o riccio, alto o basso, sposa tutti i gusti e tutti i tipi di capelli.

Tralasciando il French Fishtail Chignon, che forse ha un aspetto troppo elegante per essere adattato ad un viaggio, si potrebbe invece optare per uno chignon spettinato (si parte da una coda, ma dopo due giri di elastico i capelli non si lasciano uscire completamente fuori, ma per metà della lunghezza), oppure uno da ballerina (per il quale è indispensabile una “ciambella”), o anche uno chignon cotonato (che prevede di gonfiare le lunghezze dei capelli e avvolgerli da un lato).

Terzo posto tra le acconciature perfette per chi ama viaggiare spetta alla treccia, che sia unica o doppia, ma solo nel momento in cui si tratti della versione spettinata (quella tradizione è un po’ troppo rigida e formale): potete realizzarla anche in viaggio, e se delle ciocche ribelli fuoriescono dall’intreccio meglio ancora!

Meno pratici per chi si muove, partecipa ad escursioni, corre tra il traffico di qualche metropoli per raggiungere musei e monumenti, o si abbronza al sole di qualche paradiso tropicale, sono i capelli sciolti.

Unica eccezione: i ricci, che vanno però acconciati coi prodotti giusti, come gel e lacche modellanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *