5 Consigli per Viaggiare Da Soli

Come abbiamo detto nello scorso post, tutto quello che di più interessante si sa nella vita lo si impara viaggiando.

Siccome vorrei che sempre più persone riuscissero a scoprire il mondo e potessero capire quanto sia importante aprire gli occhi per conoscere la bellezza della diversità, oggi provo a scrivere qualche consiglio utile per viaggiare da soli.

Non Aver Paura di Stare Da Solo

“Negli anni ho imparato ad amare i viaggi in solitario al punto che per un po’ è diventato addirittura difficile viaggiare con altre persone,” mi ha raccontato Paolo della Fresia, un blogger che della sua passione ha fatto un vero e proprio lavoro.

“Prendi il mio ultimo viaggio. Sono stato in Marocco da solo per un mese ed ho visto dei posti talmente interessanti che ora sto lanciando un nuovo sito chiamato Riad Marocco con il quale spero di ispirare altri viaggiatori alla ricerca di posti magici e fuori dal comune.”

Prenditi Cura di Te Stesso

Viaggiare da solo non significa evitare di viziarsi o non concedere qualche attenzione a noi stessi.

Quando viaggio in solitario, io amo frequentare SPA e centri benessere. Penso che il tempo che ho a disposizione sia una ricchezza fantastica per permettermi di fare ciò che voglio – ed a volte ho solo voglia di rilassarmi e niente più.

Una cosa che non manca mai nella mia valigia, poi, sono gli integratori. Io uso alcuni integratori per anziani che mi aiutano a recuperare sali minerali nelle giornate più calde e faticose.

Lo so, ancora l’età non mi obbliga a cercare prodotti per anziani ma, insomma, perché dovrebbe essere un’etichetta a fermarmi?

Non Fare Piani

Lascia la guida a casa. Viaggiare da soli significa non fare piani e seguire il proprio istinto.

A volte vedo persone partire con un’agenda talmente fitta di appuntamenti che mi fa rabbrividire. Io non ho un’organizzazione del genere nemmeno quando lavoro…figurarsi in vacanza!

Per una persona cresciuta con il mito del Flaneur parigino di Walter Benjamin, non c’è nulla di meglio che camminare, perdersi, e lasciare che sia il tempo a decidere quando ritrovare la strada di casa.

Tieni Con Te una Moleskine

Non c’è cosa peggiore di viaggiare da soli per restare attaccati al telefono. Al bando Facebook, Instagram, Twitter ed email: viaggiare da soli non ha senso se uno piccolo schermo continua a violentare qualsiasi momento di solitudine e tranquillità.

Prova a portare con te una Moleskine, a lasciare il telefono in tasca, ed a scrivere pensieri ed appunti.

Non rileggerli subito, però. Farlo a distanza di anni sarà una magia tale da farti rivivere sensazioni, profumi, e situazioni proprio come se fossero appena accadute.

Rifugiati Negli Hotel Internazionali

Se proprio non riesci a stare da solo, se hai scelto una destinazione che non conquista il tuo cuore, la soluzione è sempre il bar di un grande hotel internazionale.

Per quanto non siano l’esperienza più “personale” del mondo, questi bar raccolgono sempre un gran numero di viaggiatori in solitario con cui scambiare due chiacchiere senza impegno.

Insomma, se sei solo ed hai voglia di un’esperienza al limite à la Lost In Translation – trova un grande albergo vicino a te, siediti al banco, ordina il tuo drink preferito, e lascia che sia il destino a fare il resto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *